XKCD e la filosofia: Platone e il mito della caverna #LegaNerd

Socrate si sarebbe potuto risparmiare un sacco di problemi se solo avesse comprato una torcia elettrica, una pistola sparatranquillanti, e qualche imbragatura di salvataggio.

(Vignetta e quote by sabas!)

Chi possiede anche solo una leggera infarinatura di filosofia, dovrebbe averla capita al volo e lollare di gusto, ma può darsi che non tutti posseggano le conoscenze adatte!
E qui entro in gioco io :D

Che cos’è il Mito della Caverna?
È la più famosa “parabola” di Platone, filosofo greco vissuto tra la seconda metà del 400a.C. e la prima metà del 300a.C. Il mito si trova nel libro settimo de La Repubblica, uno dei più importanti testi filosofici e politici di sempre.
Copio spudoratamente la trama da Wiki, che è scritta breve e comprensibile:
Mostra Approfondimento ∨

Prima di spiegare brevemente che significato ha questo mito, vorrei introdurvi alla filosofia di Platone.
Platone è il filosofo delle idee: la verità e l’essere, risiedono nel concetto, nelle idee e non nelle cose terrene.
Tuttavia, i suoi scritti parlano di cose molto concrete, materiali: politica principalmente; questo perché, così come il suo maestro Socrate, era convinto che la filosofia dovesse essere saggia, pratica: era la scienza che coniugava il fare e il sapersi servire di ciò che si fa.

L’evento che condizionerà tutta la vita e il pensiero di Platone è la morte del suo grande maestro, Socrate, il primo martire della libertà di pensiero, condannato a morte per via delle sue idee “rivoluzionarie” sull’etica e sulla conoscenza che minavano i cardini della società ateniese del tempo (ma questo è un altro discorso, sull’Internet trovate come sempre molto materiale). Questa morte brutale e incomprensibile agli occhi del giovane Platone farà sì che egli contrapponga un piano ideale, che è il solo vero e reale, di valori (giustizia, virtù, bene) a quello della realtà dei fatti tangibili, che è invece illusoria. Insomma, una sorta di Morpheus di Matrix: la verità non è ciò che vediamo, ma quello aldilà di ciò che percepiamo con i sensi.
Ecco quindi il netto predominio dell’anima sul corpo, della mente sui sensi.

Domanda fondamentale che si pone Platone è: “Che cos’è la giustizia?”. Ma prima di stabilire la conoscenza della giustizia, bisogna imparare a conoscere! Socrate era convinto della continua ricerca della conoscenza (il famoso “So di non sapere”) e si era quindi incagliato (passatemi il termine) senza trovare una risposta. Platone supera questa situazione di stallo, concependo la conoscenza come ricordo: “Conoscere è ricordare”.
Ma ricordare cosa? Ciò che si è vissuto nel mondo delle idee! L’anima infatti proviene da questo mondo delle idee, dove ha già conoscenza delle idee di virtù, di bene, di male, etc. Quando “cade” sulla terra, si dimentica di queste idee finché non le ritrova, ovvero di fronte a un atto di coraggio capisce, grazie al ricordo, che quella è virtù! L’anima ha delle predisposizioni alla conoscenza che non sono determinate dai sensi ma che si manifestano al contatto con l’esperienza, con le cose, e che ci fanno ricordare la verità; questa è una grande novità nel mondo greco, dove non esisteva il concetto di anima immortale.

Finalmente eccoci alla spiegazione del Mito : siccome siete nerd intelligenti, già dovreste aver capito che Platone identifica Socrate in quel filosofo a cui, conosciuta la verità, nessuno crede, e anzi addirittura rischia la morte.
Ovviamente però la storia non vuole essere solamente un richiamo alla vicenda socratica, ma anzi una summa delle idee platoniane: questa immagine spiega bene i vari significati:


A sinistra trovate i vari soggetti (ombre, cose, fuoco etc), nella prima colonna di sinistra vi è l’interpretazione della realtà cioè: ombre-immagini (arte e sogni), oggetti fisici-cose, fuoco-sole, cose riflesse nell’acqua-enti matematici e geometrici, natura-idee e infine Sole-idea del bene. L’ultima colonna a destra raccoglie i significati in base al tipo di conoscenza.

Purtroppo la mia “lezione” di filosofia finisce qua, sennò non finiamo più e ci incastriamo in lunghe spiegazioni che non possono essere riassunte. Spero di essere stato chiaro e comprensibile, e sopratutto di non aver commesso errori (mica sono laureato in filosofia, lol).

Lo sapevate? Nell’affresco La Scuola di Atene di Raffaello, Platone è al centro, a sinistra, con la barba lunga, e con un dito che indica il cielo, il mondo delle idee, superiore, che racchiude la verità. Sapevatelo!
Lo sapevate? Nello stesso affresco, in basso a destra, ci sono due tizi appoggiati scompostamente a una colonna, uno dei quali sta prendendo appunti. Ebbene, sono i due protagonisti dei due album dei Guns n’Roses Use your Illusion. Sapevatelo!

Approfondimenti:
Platone
Socrate
Mito della caverna
– Vignetta originale su XKCD.

lucamrblonde | veronerd™ a.k.a. lucamrblonde

“Grande guerriero? ohoh, guerra non fa nessuno grande!” – Master Yoda

Aree Tematiche
Filosofia Fumetti Lega Nerd Comics
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd