Tales Of Monkey Island #LegaNerd


Dopo 19 anni dal primo episodio rilasciato dalla LucasFilm e a 10 anni dal quarto episodio (si esiste un quarto episodio anche se viene rinnegato dai fan) torna tra i vivi (ne siamo sicuri?) Guybrush Threepwood, mighty pirate ©, grazie alla TellTale, azienda nata da ex-dipendenti della LucasArts che ha avuto il coraggio di riprendere su licenza vecchi pilastri del punta-e-clicca.
Dopo due (adesso tre) stagioni di Sam&Max nel 2009, in parallelo al remake del primo storico capitolo ad opera della LucaArts, la TellTale rilascia Tales Of Monkey Island, che coinvolge i vecchi protagonisti in una nuova avventura in cinque episodi.
La storia inizia dopo qualche anno dal quarto episodio e si sposta di arcipelago; Guybrush sta per uccidere LeChuck con l’ennesima arma definitiva, il Coltello Maledetto di Kaflu, ma qualcosa va storto: LeChuck diventa umano, la mano di Guybrush diventa diabolica e fa vita a se, e la maledizione voodoo inizia a spargersi su tutti i Caraibi. Guybrush partirà in missione per conto della voodoo lady alla ricerca de ‘La Esponja Grande’.
La grafica è ancora una volta in tre dimensioni, stavolta nettamente più curata, i personaggi hanno perfino delle espressioni facciali; si gioca col solo mouse o con l’ausilio della tastiera e permane il sistema dell’inventory in cui si possono combinare gli elementi, ma diventa automatizzata la scelta dell’azione appropriata.
I dialoghi sono in inglese con le voci dei doppiatori storici e c’è la possibilità di abilitare i sottotitoli in inglese ma, con una patch, è possibile tradurre questi in italiano.

Si compra sul sito della software house a 34.95$ o a 49.99$ se volete l’edizione deluxe con tante cazzate tanti gadget.

E così capite da dove viene il mio avatar :-D

Aree Tematiche
Acquisti Videogames
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd