Come ti trasformo in Incauto Acquisto: Transformers Convoy Music Label #LegaNerd
di
Bacco
2

Prima di iniziare a leggere, guardatevi la video recensione di questo grande eroe moderno (embed non disponibile) perché è davvero epica!

A volte ci si fa questa domanda: come si può trasformare un acquisto bellissimo in un incauto?
La risposta è: solo il tempo ti può rispondere.

Qualche settimana fa pubblicai questo articolo sul mio ultimo bellissimo acquisto Transformers Music Label, ero così fiero che non vedevo l’ora di provarlo, ma purtroppo mi mancava l’adattatore per la presa giapponese che si trovava sull’alimentatore-trasformatore.

Decisi così di guardare all’iper quanto poteva costare: 9 Euro, ma stiamo scherzando? Su eBay lo potevo trovare a 1,50 più 2 Euro di spedizione, tutto a casa, comodo.

Dopo una settimana avevo il mio adattatore, finalmente ieri sera presi in mano l’oggetto, infilai tremolante come un bambino la presa giapponese e mi avvicinai verso la presa di casa mia.
La prima cosa che notai fu un leggero fumo bianco provenire dall’alimentatore, poi un istante dopo mi sentii arrivare dalla mano un segnale non indifferente di calore. Oddio, stavo bruciando tutto, veloce come un topolino sotto ad una trappola tirai indietro l’alimentatore e lo lasciai cadere a terra fumante.

Fu in quell’istante che in una scritta in simil giapponese, su un’etichetta dell’alimentatore caduto, riconobbi una serie di numeri: 100V. A questo punto mi balzò un pensiero: “ma qui da noi non abbiamo la 220V?”
Scrissi sul mio profilo di FB la storia e un gentilissimo RandO mi rispose: “in Giappone c’è la 100V”.
E che cazzo NO!!!

Il giorno seguente, oggi, al rientro a casa di mio fratello, chiesi se tra tutti i macchinari elettrici-elettronici che ha nella sua stanza ci poteva essere qualcosa che mi tornasse utile. La sua risposta fu immediata: “c’è pure l’alimentatore universale che ho preso alla fiera anni fa!”
Evvai!!!

Corsi di sopra, aprii il cassetto ed era proprio li: con tutte le sue presine e i suoi adattatorini: grande! Nel giro di pochi istanti ero di sotto a collegarlo, il mio Transformers si accendeva!
Ora il test finale, presi il mio iPhone, lo infilai sul dock: “il supporto non può ricaricare il tuo iPhone”.
No problem, basta che faccia andare la musica, aprii così l’app iPod: NIENTE!

“Non è compatibile! Ma non ci credo dai!!! Il tipo che me l’ha venduto su eBay aveva detto di sì…” riprovai stanco per ancora dieci minuti.
Purtroppo non c’è stato verso di trovare il modo di renderlo funzionante da quelle casse maledette su quel Tir malefico.

E qui ho sentito l’odore dell’incauto acquisto. Un brutto odore simil plastica bruciata come l’alimentatore nativo di ieri.

Ora ho chiuso tutto, ho rimesso in scatola il gingillo incauto, forse lo lascerò lì per sempre.
Non ho neanche voglia di provare se funziona con un iPod nativo.

Mi ridurrò come quel ragazzo nel video sicuramente. :-(

Davide Bacchetti a.k.a. Bacco

La tracolla è una chitarra, non un borsello.

Aree Tematiche
Acquisti Gadgets Musica
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd