Premi Oscar 2011 #LegaNerd
di
Akiyama
9

Ieri si è svolta la cerimonia di consegna dei premi Oscar, volti a celebrare i migliori film del 2010. L’evento è stato trasmesso dalla ABC e presentato da Anne Hathaway e James Franco. Si era già parlato delle nominations in un post di Code2, se leggete i commenti vedrete che i vincitori, tutto sommato, erano abbastanza prevedibili, basta un po’ di conoscenza cinematografica mista al riconoscimento dell’importanza del marketing in questo campo.

Qui di seguito vi elenco premi e vincitori, questi ultimi li trovate sopra i nominati ed in corsivo:

Miglior film

-Il discorso del re (The King’s Speech), regia di Tom Hooper
-Il cigno nero (Black Swan), regia di Darren Aronofsky
-The Fighter (The Fighter), regia di David O. Russell
-Inception (Inception), regia di Christopher Nolan
-I ragazzi stanno bene (The Kids Are All Right), regia di Lisa Cholodenko
-127 ore (127 Hours), regia di Danny Boyle
-The Social Network (The Social Network), regia di David Fincher
-Toy Story 3 – La grande fuga (Toy Story 3), regia di Lee Unkrich
-Il Grinta (True Grit), regia di Joel e Ethan Coen
-Un gelido inverno (Winter’s Bone), regia di Debra Granik

Miglior regia

-Tom Hooper – Il discorso del re (The King’s Speech)
-Darren Aronofsky – Il cigno nero (Black Swan)
-Joel e Ethan Coen – Il Grinta (True Grit)
-David Fincher – The Social Network (The Social Network)
-David O. Russell – The Fighter (The Fighter)

Miglior attore protagonista

-Colin Firth – Il discorso del re (The King’s Speech)
-Javier Bardem – Biutiful (Biutiful)
-Jeff Bridges – Il Grinta (True Grit)
-Jesse Eisenberg – The Social Network (The Social Network)
-James Franco – 127 ore (127 Hours)

Migliore attrice protagonista

-Natalie Portman – Il cigno nero (Black Swan)
-Annette Bening – I ragazzi stanno bene (The Kids Are All Right)
-Nicole Kidman – Rabbit Hole (Rabbit Hole)
-Jennifer Lawrence – Un gelido inverno (Winter’s Bone)
-Michelle Williams – Blue Valentine (Blue Valentine)

Miglior attore non protagonista

-Christian Bale – The Fighter (The Fighter)
-John Hawkes – Un gelido inverno (Winter’s Bone)
-Jeremy Renner – The Town (The Town)
-Mark Ruffalo – I ragazzi stanno bene (The Kids Are All Right)
-Geoffrey Rush – Il discorso del re (The King’s Speech)

Migliore attrice non protagonista

-Melissa Leo – The Fighter (The Fighter)
-Amy Adams – The Fighter (The Fighter)
-Helena Bonham Carter – Il discorso del re (The King’s Speech)
-Hailee Steinfeld – Il Grinta (True Grit)
-Jacki Weaver – Animal Kingdom (Animal Kingdom)

Miglior sceneggiatura originale

-David Seidler – Il discorso del re (The King’s Speech)
-Mike Leigh – Another Year (Another Year)
-Scott Silver, Paul Tamasy e Eric Johnson – The Fighter (The Fighter)
-Christopher Nolan – Inception (Inception)
-Lisa Cholodenko e Stuart Blumberg – I ragazzi stanno bene (The Kids Are All Right)

Miglior sceneggiatura non originale

-Aaron Sorkin – The Social Network (The Social Network)
-Danny Boyle e Simon Beaufoy – 127 ore (127 Hours)
-Michael Arndt, John Lasseter, Andrew Stanton e Lee Unkrich – Toy Story 3 -La grande fuga (Toy Story 3)
-Joel e Ethan Coen – Il Grinta (True Grit)
-Debra Granik e Anne Rosellini – Un gelido inverno (Winter’s Bone)

Miglior film straniero

-In un mondo migliore (Hævnen), regia di Susanne Bier (Danimarca)
-Biutiful (Biutiful), regia di Alejandro González Iñárritu (Messico)
-Kynodontas (Kynodontas), regia di Yorgos Lanthimos (Grecia)
-La donna che canta (Incendies), regia di Denis Villeneuve (Canada)
-Hors-la-loi (Hors-la-loi), regia di Rachid Bouchareb (Algeria)

Miglior film d’animazione

-Toy Story 3 – La grande fuga (Toy Story 3), regia di Lee Unkrich
-Dragon Trainer (How to Train Your Dragon), regia di Chris Sanders e Dean DeBlois
-L’illusionista (The Illusionist), regia di Sylvain Chomet

Miglior fotografia

-Wally Pfister – Inception (Inception)
-Matthew Libatique – Il cigno nero (Black Swan)
-Danny Cohen – Il discorso del re (The King’s Speech)
-Jeff Cronenweth – The Social Network (The Social Network)
-Roger Deakins – Il Grinta (True Grit)

Miglior montaggio

-Kirk Baxter e Angus Wall – The Social Network (The Social Network)
-Jon Harris – 127 ore (127 Hours)
-Andrew Weisblum – Il cigno nero (Black Swan)
-Pamela Martin – The Fighter (The Fighter)
-Tariq Anwar – Il discorso del re (The King’s Speech)

Miglior scenografia

-Robert Stromberg e Karen O’Hara – Alice in Wonderland (Alice in Wonderland)
-Stuart Craig e Stephenie McMillan – Harry Potter e i Doni della Morte: Parte I (Harry Potter and the Deathly Hallows: Part I)
-Guy Hendrix Dyas, Larry Dias e Douglas A. Mowat – Inception (Inception)
-Eve Stewart e Judy Farr – Il discorso del re (The King’s Speech)
-Jess Gonchor e Nancy Haigh – Il Grinta (True Grit)

Migliori costumi

-Colleen Atwood – Alice in Wonderland (Alice in Wonderland)
-Antonella Cannarozzi – Io sono l’amore (Io sono l’amore)
-Jenny Beavan – Il discorso del re (The King’s Speech)
-Sandy Powell – The Tempest (The Tempest)
-Mary Zophres – Il Grinta (True Grit)

Miglior trucco

-Rick Baker e Dave Elsey – Wolfman (The Wolfman)
-Adrien Morot – La versione di Barney (Barney’s Version)
-Edouard F. Henriques, Greg Funk e Yolanda Toussieng – The Way Back (The Way Back)

Migliori effetti speciali

-Chris Corbould, Andrew Lockley, Pete Bebb e Paul J. Franklin – Inception (Inception)
-Ken Ralston, David Schaub, Carey Villegas e Sean Phillips – Alice in Wonderland (Alice in Wonderland)
-Tim Burke, John Richardson, Christian Manz e Nicolas Aithadi – Harry Potter e i Doni della Morte: Parte I (Harry Potter and the Deathly Hallows: Part I)
-Michael Owens, Bryan Grill, Stephan Trojansky e Joe Farrell – Hereafter (Hereafter)
-Janek Sirrs, Ben Snow, Ged Wright e Daniel Sudick – Iron Man 2 (Iron Man 2)

Migliore colonna sonora

-Trent Reznor e Atticus Ross – The Social Network (The Social Network)
-Allah Rakha Rahman – 127 ore (127 Hours)
-John Powell – Dragon Trainer (How to Train Your Dragon)
-Hans Zimmer – Inception (Inception)
-Alexandre Desplat – Il discorso del re (The King’s Speech)

Miglior canzone

-We Belong Together, scritta ed eseguita da Randy Newman – Toy Story 3 – La grande fuga (Toy Story 3)
-If I Rise, di Allah Rakha Rahman (musiche), Rollo Armstrong e Dido (testi), eseguita da Rollo Armstrong e Dido – 127 ore (127 Hours)
-Coming Home, di Bob DiPiero, Tom Douglas, Hillary Lindsey e Troy Verges, eseguita da Leighton Meester – Country Strong (Country Strong)
-I See the Light, di Alan Menken (musiche) e Glenn Slater (testi), eseguita da Mandy Moore e Zachary Levi – Rapunzel – L’intreccio della torre (Tangled)

Miglior sonoro

-Lora Hirschberg, Gary Rizzo e Ed Novick – Inception (Inception)
-Paul Hamblin, Martin Jensen e John Midgley – Il discorso del re (The King’s Speech)
-Jeffrey J. Haboush, William Sarokin, Scott Millan e Greg P. Russell – Salt (Salt)
-Ren Klyce, David Parker, Michael Semanick e Mark Weingarten – The Social Network (The Social Network)
-Skip Lievsay, Craig Berkey, Greg Orloff e Peter F. Kurland – Il Grinta (True Grit)

Miglior montaggio sonoro

-Richard King – Inception (Inception)
-Tom Myers e Michael Silvers – Toy Story 3 – La grande fuga (Toy Story 3)
-Gwendolyn Yates Whittle e Addison Teague – Tron – Legacy (Tron: Legacy)
-Skip Lievsay e Craig Berkey – Il Grinta (True Grit)
-Mark P. Stoeckinger – Unstoppable – Fuori controllo (Unstoppable)

Miglior documentario

-Inside Job (Inside Job), regia di Charles Ferguson
-Exit Through the Gift Shop (Exit Through the Gift Shop), regia di Banksy
-GasLand (GasLand), regia di Josh Fox
-Restrepo (Restrepo), regia di Tim Hetherington e Sebastian Junger
-Waste Land (Waste Land), regia di Lucy Walker

Miglior cortometraggio

-God of Love (God of Love), regia di Luke Matheny
-The Confession (The Confession), regia di Tanel Toom
-The Crush (The Crush), regia di Michael Creagh
-Na Wewe (Na Wewe ), regia di Ivan Goldschmidt
-Wish 143 (Wish 143), regia di Ian Barnes

Miglior cortometraggio documentario

-Strangers No More (Strangers No More), regia di Karen Goodman e Kirk Simon
-Killing in the Name (Killing in the Name), regia di Jed Rothstein
-Poster Girl (Poster Girl), regia di Sara Nesson
-Sun Come Up (Sun Come Up), regia di Jennifer Redfearn
-The Warriors of Qiugang (The Warriors of Qiugang), regia di Ruby Yang

Miglior cortometraggio d’animazione

-The Lost Thing (The Lost Thing), regia di Andrew Ruhemann e Shaun Tan
-Quando il giorno incontra la notte (Day & Night), regia di Teddy Newton
-The Gruffalo (The Gruffalo), regia di Max Lang e Jakob Schuh
-Let’s Pollute (Let’s Pollute), regia di Geefwee Boedoe
-Madagascar, carnet de voyage (Madagascar, carnet de voyage), regia di Bastien Dubois

Sono contento per Il Discorso del Re, che secondo me è quello che si può considerare un film d’autore, vincitore di ben 4 statuette tra i premi più “vistosi”, mentre Inception (successo al box-office) si è accaparrato, giustamente, 4 premi più tecnici (ma non da sottovalutare).

Natalie Portman e Christian Bale sono tra i miei attori preferiti, però penso che anche un osservatore più oggettivo non potrebbe che essere d’accordo con la scelta di premiarli, viste le loro magistrali interpretazioni.

Alice in Wonderland ottiene il suo contentino per la scenografia, ma mi aspetto molto di più da Tim Burton, spero che eviti di mercificare ancora il suo talento in questo modo.

Si pensava che il fenomeno Facebook avrebbe portato fortuna al The Social Network, invece si deve accontentare di montaggio, sceneggiatura non originale e colonna sonora, che sono premi minori considerati i proclami pre-assegnazione.

Mi dispiace per la Bonham Carter (a cui avevo mentalmente assegnato il mio Oscar come miglior attrice non protagonista), Melissa Leo è stata brava, certo, però Helena avrebbe meritato un riconoscimento per una volta che non faceva la folle.

Toy Story 3 batte la scarsa concorrenza (in termini numerici) e vince il premio come miglior film d’animazione, io non ho visto gli altri quindi non posso fare il confronto, mi rimetto a voi per un giudizio in merito all’assegnazione. Si era parlato della storia di questa categoria e dei film candidati quest’anno in questo post.

Argo fa notare il fallimento totale de “Il Grinta”, che non vince nulla nonostante le ben 10 nomination.
Se ve lo state chiedendo, non è un record, infatti la sisperafuturaautrice FuckinB ci informa che nel 1978 il film “Due vite, una svolta” ottenne undici nomination e nessun premio; così come “Il colore viola” nel 1986.

:bazinga: di Keffepi

Sito dell’Academy.

Akiyama

“I dare do all that may become a man, who dare do more is none”

Macbeth, William Shakespeare

Aree Tematiche
Cinema Eventi
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd