Retrospettiva disorganica: Nintendo e la censura #LegaNerd
di
emix

Ai giorni nostri non è così inusuale trovare titoli destinati a un pubblico adulto su tutte le macchine per videogiocare, Wii e DS inclusi, ovviamente non è sempre stato così, altrimenti questa frase avrebbe avuto una costruzione completamente diversa, pur non perdendo in supponenza.

Una volta, pensate, la gente si sollazzava con le trottole e nessun laureato in scienze delle merendine speculava sul fatto che giocare a guardie e ladri istigasse alla violenza, mentre oggigiorno se le trottole non hanno la connessione wireless o il touch screen noi giustamente non ce le caghiamo e ogni nuovo GTA o Call of Duty è seguito da polemiche sui principali mezzi di diffusione eterea della polemica.

Considerando che stare a sentire idioti che continuano a dire idiozie serve a farci sentire meno idioti, si sta decisamente meglio oggidì.

continua su Drink!

Aree Tematiche
Videogames
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd