Giapponese DIY - Dorayaki #LegaNerd
3

”Per te cosa significa sentirti felice?”
[…]
“A me vengono in mente Doraemon e Nobita” dissi. “Eh? Ma dici il manga?” chiese Nishiyama. “Ho un piccolo orologio con la loro immagine” dissi. “Stanno davanti a un fusuma, nella stanza di Nobita disseminata di manga, e leggono tutti sorridenti. Nobita è sdraiato a pancia in giù, appoggiato su un cuscino piegato a metà, i gomiti a terra, e Doraemon è seduto con le gambe incrociate e, mentre legge, mangia dorayaki. Sarà per il rapporto fra loro due, con Doraemon che fa lo scroccone, sarà perchè la scena è quella di una tipica famiglia giapponese, ma penso sempre che questa sia l’immagine della felicità.”

Tratto da: “Ricordi di un vicolo cieco” di Banana Yoshimoto.

Purtroppo da un po’ di tempo a questa parte quando si parla di cucina giapponese la moda del momento fa pensare subito al Sushi; ma, come sapranno tutti i veri estimatori di quella che è una vera e propria arte, la cucina giapponese (nihon ryōri 日本料理 o washoku 和食) è quanto di più complesso ed esteso si possa immaginare.

Volevo allora proporvi alcuni piatti, facilmente riproducibili in casa vostra, per esplorare insieme questo mondo e magari per fare bella figura con gli amici o, perchè no, con una ragazza. ;)

Breve storia dei Dorayaki
Mostra Approfondimento ∨

Prepariamoli!

Ingredienti:


3 Uova
1 Tazza di farina
2/3 di una tazza di zucchero
3 Cucchiai d’acqua
1/2 Cucchiaino di lievito (da sciogliere nell’acqua)
Olio per ungere la padella
Comprate (o preparatevi seguendo questa ricetta) l’Anko (la marmellata di fagioli Azuki).

Preparazione:


Sbattiamo bene le uova e aggiungiamo piano la farina cercando di non creare troppi grumi. Aggiungiamo poi il resto degli ingredienti.

Riscaldiamo una padella antiaderente, ungetela un po’ ma non troppo, e lasciamo scaldare.
Ogni lato della frittella va fatto con 2 cucchiai del composto.
Lasciamo cuocere da una parte fino a che appaiano delle piccole bollicine sulla parte superiore e fino a far imbrunire quelal inferiore (ci vorranno circa 30/40 secondi).
Giriamola e cuociamolo allo stesso modo dall’altro lato.
Dovrebbero venire alte mezzo centimetro circa.

Una volta che avrete fatto tutte le frittelle e si saranno raffreddate, spalmate l’Anko su una focaccina unendone un’altra così da chiuderla come un panino!

Semplice no? Sono uno dei miei dolci giapponesi preferiti.

Itadakimasu!

Aree Tematiche
Anime & Manga Cucina Giappone
Tag
giovedì 3 febbraio 2011 - 12:59
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd