Violare WPA-PSK con Amazon EC2 #LegaNerd

Con l’ausilio di software specializzato, fatto girare servendosi dell’ingente potenza di calcolo messa a disposizione dai servizi di cloud computing EC2 di Amazon, un ricercatore tedesco ha dichiarato che è possibile forzare la cifratura delle reti WiFi protette con WPA.

[…]

Secondo quanto riferiscono le Agenzie Stampa, il software di forzatura fatto girare sui server di Amazon ha impiegato 20 minuti di tempo di calcolo per riuscire a rompere la chiave WPA-PSK (Pre Shared Key, la password di rete, insomma) di una rete WiFi attiva nei dintorni. Il ricercatore ha poi ulteriormente perfezionato il software, portandolo a riuscire nell’impresa in soli sei minuti.

[…]

Forzare la cifratura non è impossibile: è solo questione di potenza di calcolo. […]
Con l’ausilio di Amazon EC2, Roth può testare 400mila potenziali password in pochissimo tempo: e poiché chiunque può affittare tempo di calcolo di quel servizio, con soli 28 centesimi di dollaro al minuto ha a disposizione un potenziale di calcolo enorme.

Cracking password party! \m/

Il bello è che la Amazon sostiene apertamente questo utilizzo della sua infrastruttura, sfruttando tutta questa storia come promo per le performance di EC2.

Ovviamente, sottolinea il portavoce Amazon, è bene chiedere la preventiva autorizzazione al possessore della rete che si sta attaccando… :-)

Via NBTimes

Alessio Marinelli a.k.a. Defkon1

Software developer, appassionato di tutto ciò che è possibile smontare e rimontare in modo differente, ma anche di cinema, fumetti e cucina.

Aree Tematiche
Hacking & Cracking Tecnologie
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd