Primo esperimento di ipnosi di massa digitale #LegaNerd
5


Chris Hughes, ipnoterapista inglese, condurrà il primo esperimento di ipnosi di massa. L’evento, che sarà possibile seguire via Facebook e via Twitter, è previsto per lunedì 4 gennaio 2010. Chiunque può iscriversi alla sessione che durerà mezz’ora e durante la quale i partecipanti resteranno incollati alle proprie sedie.

Il 2010 inizia in modo curioso. Alle 21.30 del 4 gennaio chiunque vorrà potrà farsi ipnotizzare restando comodamente seduto sulla propria sedia. Pochissimi i requisiti per prendere parte a questo esperimento di massa, al quale ci si può iscrivere tramite il sito ad hoc : bastano un pc dotato di scheda audio e connessione alla Rete, una poltrona comoda e la certezza di non essere interrotti durante i trenta minuti in cui Chris cercherà di legare in modo indissolubile le mani dei suoi ascoltatori e di lasciarli letteralmente incollati alle sedie, incapaci di alzarsi per tutto il tempo dell’esperimento.

Sul proprio sito l’ipnotista sconsiglia la partecipazione a chi soffre di problemi psichici, epilessia e alle donne in stato interessante e raccomanda l’iscrizione solo ai maggiorenni.

Il 34enne inglese ha già fatto qualcosa di simile: specializzato nella cura dei disturbi alimentari, nel 2008 ha pubblicato su YouTube diversi video della durata di 5 minuti con i quali intendeva dare un assaggio delle sue capacità. Ora, questo Giucas Casella telematico, si spingerà oltre provando l’ipnosi via web. Quasi tremila gli iscritti, Chris assicura che sarà uno spettacolo divertente e sorprendente grazie al quale sarà possibile capire come, secondo lui, l’ipnosi possa migliorare la vita delle persone.

Quello che l’ipnotista ha dimenticato lo ricordiamo noi: non restate in casa da soli se volete provare quest’esperienza. Se la connessione a internet dovesse cadere mentre siete incollati alla vostra poltrona…


Via.

Con queste parole veniva pubblicizzato l’esperimento descritto, avrà funzionato?
Il sito gialli.it riporta la cronaca dell’accaduto:

Martedì ore 00,10
Siamo ancora in linea con il sito di Chris Hughes. E mentre l’esperimento è ancora in corso abbiamo chiesto al direttore tecnico (esperto in informatica) di Gialli.it Diego Purpo di spiegarci cosa sta accadendo.

Allora Diego, ci spieghi bene come funziona l’esperimento di Chris?
Niente di più semplice. Intanto bisogna andare all’indirizzo http://www.socialtrancelive.co.uk/ Lì si trova un link che porta su una pagina. E da questa pagina si può far partire un mp3 che, ascoltato via browser, contiene la voce registrata di Chris (immagino).
Quindi non è in diretta?
No. Non è in diretta o live streaming è una cassetta…
Una cassetta?
Hai presente nei film americani le cassette per l’autostima o contro lo stress?
Cosa?
Lascia perdere… comunque non è in diretta… è un mp3, è un file. E lo puoi ascoltare quante volte vuoi. Lo sto sentendo ora. L’obiettivo è farti rilassare… musica dolce, come angelica. Ti chiede di stenderti, respirare profondamente, chiudere gli occhi ed ascoltare la sua voce. Ti chiede di sentire il tuo corpo e di rilassarti il più possibile…
Diego, tutto bene, ci sei?
Certo… sto cercando di capire un passaggio… chiede di fare delle cose con le mani… E’ passato dalla fase di rilassamento alla fase di motivazione. Ora mi sta dicendo “I’m an in complete control of my life”… sono nel completo controllo della mia vita, posso bere meno, fumare meno, mangiare meglio. “You are looking and feeling fantastic”: sembrerai e ti sentirai fantastico e ti accorgerai di quanti obiettivi hai raggiunto… Molto americano. Come pensiero…
Chissà come commenteranno quelli del Cicap…
Infatti. Domani proviamo a sentirli… Intanto ascolta… sta finendo. Ecco. Finito.
In pratica fa prima rilassare (puoi star seduto o steso come ti pare) poi arriva alla “scala”. Conta da 1 a 10 e al 10 dovresti essere addormentato. Poi parte con la tiritera motivazionale: sei bello, sei forte e puoi fare qualsiasi cosa… finisce con un altro conteggio. Da 1 a 5 e ti svegli felice e asciutto!
Grande Diego! Tra un po’ proviamo a sentire quelli di FB. A prestissimo…

Lunedì 4 gennaio 2009 – Ore 23,30
E’ partito! Dopo un’ora e mezza di attesa con seimila persone che su Facebook erano letteralmente impazzite perché il sito non si apriva, finalmente l’esperimento di Chris Hughes è partito. E c’è già chi dice che “è tecnicamente impossibile stabilire se è riuscito”. Parola di Giucas Casella. Intanto ecco i primi commenti della Rete.

Insomma l’esperimento di ipnosi collettiva sembra essere partito con successo.
Migliaia di persone stanno vivendo l’esperienza mentre scriviamo. Eppure la serata non era partita nel migliore dei modi. Alle 20, probabilmente per l’altissimo numero di viste, il portale di SocialTrance era andato in tilt. “Scoppiato” sotto i colpi di un esercito di persone che hanno preso più che seriamente l’operazione che aveva per obiettivo l’ingresso dell’ipnotizzatore britannico nel Guinnes dei Primati.

Poi, finalmente, lo “start” e come per magia il più grande esperimento di ipnosi di massa mai tentato nella storia ha preso il largo. Mentre scriviamo oltre 6000 persone sono collegate con Hughes (34 anni, di Banbury, nell’Oxfordshire) e, almeno a quanto si legge su FaceBook, stanno vivendo un’esperienza fantastica.

Laura Kearsey dice: “Fantastico, è la prima volta che provo uno stato di relax tale… e so che dormiro bene stanotte… grazie Chris”.

Arhip Emylian Adryan ha invece spiegato la sua esperienza in maniera un po’ più confusa: “prima ha detto di immaginarti 20 gradini, ma nn so perché venti perché ne ha contati 10 ma… insomma, no prima ha detto di immaginarti come una coperta piena di relax che ti copre poi le scale , poi le ha contate…”.

Dhaval dall’India è entusiasta: “bellissima sensazione, grazie, scrivo dall’india e sono le 3,10 della notte e sento una piacevole sensazione di freschezza … lo farò ogni giorno …”.

Sarà tutto vero? Noi continuiamo a seguire l’esperimento. Seguiteci!

Insomma, nessuno pare essersi ritrovato con le mani attaccate e col culo appiccicato sulla sedia senza riuscire più ad alzarsi, le aspettative mi sembrano alquanto tradite.

Ho editato l’articolo aggiungendo il secondo quote che riporta i risultati perchè ho preso una sonora cantonata, non mi sono ancora abituato al fatto che siamo nel 2011 e quando ho letto “gennaio 2010” ho associato inconsciamente la data a quella di quest’anno. Sono un po’ bollito, abbiate pazienza.
Iniziamo bene.

Aree Tematiche
Internet Scienze
Tag
sabato 1 gennaio 2011 - 22:33
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd