[Sapevatelo] Beowulf #LegaNerd

Beowulf è un poema epico, completo ed anonimo, scritto in una variante sassone occidentale dell’anglosassone (o inglese antico). La datazione è tuttora incerta, tuttavia gli indizi più significativi raccolti dagli studiosi finora, tenderebbero a collocarla attorno alla metà dell’VIII secolo. Con i suoi 3182 versi, è il più lungo poema anglosassone. Ci è giunto attraverso un unico manoscritto, il Cotton Vitellius, conservato al British Museum. Il titolo Beowulf (dal nome dell’eroe del poema) fu attribuito a quest’opera a partire dal XIX Secolo. Non ci è stato tramandato nelle fonti nordiche nessun racconto che corrisponda a quello del “Beowulf”. È dunque possibile che l’autore del poema inglese antico abbia rielaborato autonomamente materiale leggendario di origine nordica, creando un’opera originale sulla base di un patrimonio tramandato oralmente.

Storia dell’opera
Beowulf è uno dei poemi epici più antichi fra quelli sopravvissuti in lingua inglese arcaica. Il manoscritto in cui fu ritrovato è generalmente datato intorno all’anno 1000. Insieme al Beowulf, il manoscritto conservato alla British Library raccoglie altre opere di epoche diverse, accomunate dalla presenza di mostri e creature fantastiche. La trascrizione del manoscritto è opera di due amanuensi, ciascuno dei quali ha copiato circa metà del poema. Il manoscritto appartenne a Lawrence Nowell nel XVI secolo (ed è per questo noto anche come “Codice Nowell”); passò in seguito a Robert Bruce Cotton nel XVII secolo, e fu danneggiato da un incendio della Cottonian Library nel 1731.

L’originale fu trascritto nel 1786 dallo studioso islandese Grímur Jónsson Thorkelin, che pubblicò la trascrizione nel 1815, su commissione del governo danese. Da allora, le condizioni del manoscritto originale sono ulteriormente peggiorate, e la trascrizione di Thorkelin è quindi diventata una fonte secondaria importante (sebbene talvolta messa in discussione, per esempio da Chauncey Brewster Tinker in The Translations of Beowulf). Può risultare sorprendente che la prima edizione del poema non sia stata opera di un inglese, ma bisogna tenere conto del fatto che l’argomento del poema lo rendeva, all’epoca, molto più interessante per gli scandinavi che per gli inglesi. Anche dal punto di vista linguistico il testo appariva di grande difficoltà per un inglese. In Scandinavia inoltre già dal XVII secolo si lavorava al recupero e all’edizione di testi medievali appartenenti al passato del mondo nordico, ed era dunque già diffuso un vivo interesse, anche di tipo filologico, per i monumenti del passato.
Lo spelling del manoscritto pare sassone occidentale con alcuni influssi dialettali anglici, elemento comune ad altri manoscritti inglesi datati intorno alla fine del primo millennio. L’origine del poema è certamente antecedente, e secondo alcuni risalirebbe all’VIII secolo. Si trattava quasi certamente di un’opera tramandata oralmente (lo testimonierebbero anche alcuni elementi strutturali dell’opera, come la presenza di una sorta di “riassunto degli avvenimenti precedenti” ad aprire alcune sezioni chiave, a intervalli regolari). È dibattuta l’idea che l’opera originale fosse composta da un poeta pagano; alcuni dei riferimenti al Cristianesimo presenti nel poema appaiono in effetti rimaneggiamenti posteriori, forse introdotti dagli stessi copisti, tuttavia una parte della critica propende per una naturale adesione agli ideali del cristianesimo da parte dell’ignoto autore.
Gli studi sulla collocazione storica del poema trovano comunque molti indizi anche nel contenuto specifico della narrazione. Beowulf è l’eroe di una tribù germanica della Svezia meridionale chiamata Geati, che libera il re della Danimarca da un terribile mostro. Se si considera che gli inglesi discendono principalmente da angli, sassoni e juti, e che queste ultime due tribù sono originarie della Danimarca meridionale e della Germania settentrionale, si comprende che Beowulf, per la cultura anglosassone, era un mito antico ma non antichissimo, che narra di un’origine (etnica e geografica) con la quale gli anglosassoni avevano ancora contatti, sia personali sia in termini dinastici.
Pur essendo in gran parte opera di fantasia, il Beowulf cita alcuni personaggi ed eventi generalmente ritenuti storici, corrispondenti a un periodo a cavallo fra il 450 e il 600 d.C. In particolare, certamente storica è l’incursione del re Hygelac in Frisia, avvenuta intorno al 516, menzionata dal poema. Ma anche molti altri passaggi del poema (per esempio quelli su Hrothgar, Hrothulf e Ohthere) hanno corrispondenze in altre fonti nordiche considerate parzialmente attendibili dal punto di vista storiografico (per esempio l’Edda di Snorri, le Gesta Danorum, la fornaldarsaga), e alcuni hanno avuto persino riscontri archeologici (si pensi al ritrovamento della tomba di Ohthere a Vendel, in Svezia).
Non risulta, viceversa, che il personaggio di Beowulf possa avere corrispondenze storiche. È stato ipotizzato che l’eroe del poema sia una variante di Bödvar Bjarki, l’orso da battaglia, un eroe norvegese citato, fra l’altro, nelle Gesta Danorum di Saxo Grammaticus. Beowulf potrebbe infatti leggersi come bee-wolf, “lupo-ape”, forse una kenning (metafora) per “orso” (a causa dell’amore degli orsi per il miele).
Il Beowulf fu per lungo tempo noto soprattutto agli studiosi dell’inglese arcaico, e considerato interessante quasi solo da un punto di vista strettamente linguistico. Nel 1936, J. R. R. Tolkien pubblicò un celebre articolo intitolato Beowulf: the monsters and the critics, che ebbe un’importanza fondamentale per far conoscere l’opera a un pubblico più ampio e rivelarne i meriti letterari.

Trama
Anthony Burgess osserva che Beowulf è, essenzialmente, una storia di guerrieri. Più precisamente, rappresenta l’unico esempio di poema epico completamente basato sull’archetipo dello scontro fra l’eroe e il mostro (San Giorgio e il drago).
Il poema si apre con la costruzione di un’immensa dimora per ordine del re danese Hrothgar a Heorot, il “Cervo”. La splendida reggia attira l’attenzione di Grendel, un “vagabondo delle marche”, un mostro gigantesco e sanguinario il cui aspetto viene descritto sempre indirettamente e a tratti, probabilmente un troll della mitologia nordica. Dopo aver studiato la vita nella reggia dall’esterno per qualche tempo, Grendel prende a far visita al Cervo ogni notte, mietendo molte vite a ogni suo passaggio.
In soccorso al disperato re danese arriva Beowulf, nipote del re dei Geati (i Goti che abitavano, probabilmente, la Svezia meridionale). Anche dell’aspetto di Beowulf non si sa molto; certamente si tratta di un uomo molto giovane, fisicamente “eccessivo” (dotato di una statura e di una forza sovraumane, che lo fanno spesso apparire simile a quei giganti che la mitologia nordica ritrae sempre come ostili e pericolosi). Beowulf decide di affrontare Grendel a mani nude, e in un terribile combattimento riesce a strappare un braccio all’Orco e causarne la morte.
I festeggiamenti al Cervo sono appena iniziati quando, la notte successiva, il palazzo viene visitato da una creatura altrettanto sanguinaria, la madre di Grendel; rappresentata come una donna mostruosa e gigantesca, che abita in una dimora subacquea nascosta nei paludosi e nebbiosi acquitrini di una “marca” remota e inquietante. Beowulf offrirà ancora il suo sostegno al re e si recherà, in una sorta di simbolica discesa agli inferi, a incontrare l’Orchessa, riuscendone ancora vittorioso. Tuttavia, è da evidenziare una escalation drammatica nel fatto che, per affrontare l’Orchessa, Beowulf, diversamente da quanto accaduto con Grendel, non rinuncia ad armi ed armature, anzi si affida esplicitamente alla cotta e alla sua spada (che peraltro si rivelerà insufficiente), ed alla fine riesce ad avere la meglio solo in virtù di una spada eccezionale e prodigiosa, trovata in una circostanza fortuita nell’antro del mostro durante la lotta, senza la quale sarebbe certamente perito nello scontro.
In una subitanea accelerazione della narrazione, Beowulf, tornato in patria, diventa re dei Geati e regna pacificamente per 50 anni. Il suo regno viene però aggredito da un nuovo mostro, questa volta un drago (quest’ultimo noto con vari nomi quali il serpente di fuoco, il verme di fuoco o semplicemente il verme). La figura del drago di Beowulf rappresenta un esempio canonico a cui si è certamente ispirata molta letteratura successiva, anche contemporanea (si pensi ai draghi di Tolkien): il drago di Beowulf è una serpe alata e volante; sputa fiamme e custodisce un antico tesoro. Già anziano, Beowulf affronta il drago per proteggere il proprio regno; pur riuscendo a ucciderlo, morirà anch’egli nello scontro (come Thor è destinato a morire uccidendo il gigantesco serpente d’acqua).

Ieri sera ovviamente mi sono riguardato il film in computer grafica La leggenda di Beowulf. A molti quest’ultima opera cinematografica non è piaciuta per niente, a me sinceramente, non mi è dispiaciuta e lo riguardo con molto piacere; comunque sia consiglio a tutti la visione dei due precedenti film (non in computer grafica) che sono: Beowulf (1999) e Beowulf & Grendel (2005) che sono altre opere che portano il poema su pellicola modificando e alterando anche quest’ultime la storia originale.

via wiki

ecco la madre di Grendel secondo il film La leggenda di Beowulf:

Jester86 | NC27 a.k.a. Jester86

La trinità è composta da Lui, Azathoth e Cthulhu

Aree Tematiche
Cinema Cultura Storia
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd