Ricoveri Virtuali e Sexy Solitudini #LegaNerd


Paolo anima salva – Marlene Kuntz tratto da “Ricoveri Virtuali e Sexy Solitudini” (potete trovare una versione migliore su youtube qui ma al momento dell’invio del post mi dice che il video richiesto non è disponibile)

Si intitola “Ricoveri virtuali e sexy solitudini” e sarà pubblicato il 23 novembre il nuovo album dei Marlene Kuntz. Il compito di presentare al pubblico l’ottavo album della band piemontese è affidato al singolo “Paolo anima salva”, che sarà in vendita negli store digitali e programmato dalle radio a partire da venerdì 22 ottobre.

Nuovo lavoro in studio della band di Cuneo a distanza di ben 3 anni dallo scorso album intitolato “Uno” su etichetta SonyMusic che promette di essere molto “rock e corposo”.
Undici tracce (di cui trovate la copertina e la tracklist sotto spoiler) prodotto con la collaborazione del dj Howie B già protagonista con loro nella formazione “Beautiful” anche in occasione del concertone del Primo Maggio a Roma.


01. Ricovero virtuale
02. Paolo anima salva
03. Orizzonti
04. Io e me
05. Vivo
06. Oasi
07. Un piacere speciale
08. L’artista
09. Pornorima
10. L’idiota
11. Scatti
Per chi non conoscesse i Marlene Kuntz non sto ad ammorbarvi con tediosi copia-incolla, ma potete benissimo leggere alcune informazioni su Wikipedia o sul loro sito ufficiale www.marlenekuntz.com.

Alcune cose da segnalare sono però una intervista a cura di Andrea Conti a Cristiano Godano per TgCom che potete trovare a questo indirizzo ma che per comodità (e vista la brevità) vi metto sotto questo spoiler (in grassetto le domande del giornalista).
In “Pornorima” canti “Che pensino a scopare i farisei dell’indie rock, le anti sbrodoline snob, gli alternativi a pacchi e stock”. Un bell’attacco no?
Quando ho scritto questa canzone avevo questo stato d’animo. Avvertiamo su di noi ancora certi pregiudizi. Mi hanno dato fastidio certe cose che ho letto, come una recensione che diceva “Sì, bello questo disco dei Marlene ma siamo ben lontani da ‘Catartica’”. Questi discorsi non li capisco :ma perché non si considera mai il percorso di un progetto? Sento invidia in giro e non vorrei neanche parlare con i giornalisti di certe dinamiche, anche scaturite con i fan. Siamo anche stufi dell’etichetta di intellettuali a tutti i costi tanto che non c’è nessuna citazione.

Solo in “Paolo anima salva” c’è una citazione di De André. Proprio nella canzone che è il manifesto di questo disco…
E’ stata una casualità ma questa citazione calzava a pennello. E’ la storia di Paolo che si sente spaventato dal contesto sociale, non si sente rappresentato. Ed è – inutilmente anche se ci crede – in cerca dei suoi simili, quelle anime sensibili, quelle anime salve appunto.

Un disco rassegnato?
No, direi carico di rabbia.

Rabbia verso cosa?
Non vogliamo apparire tromboni o di vecchio stampo. Ma la crisi che è scaturita nella discografia anche a causa di Internet proprio non riusciamo a mandarla giù. Non c’è educazione all’ascolto da parte dei giovani che non vanno più nei negozi di dischi a cercare qualcosa di interessante, ma hanno tutto a portata di mano sul Web in qualsiasi momento. C’è tanto lavoro dietro a un disco e per buona metà con la pirateria si butta via tutto nel cesso.

Sul set del vostro video c’era anche Samuele Bersani, cosa ci faceva in Islanda con voi?
E’ molto amico dei registi Masbedo, così ce lo siamo ritrovato lì e devo dire che è stato molto utile sul set, mi ha stupito. Si è dato da fare e abbiamo anche chiacchierato molto. E’ stato un bell’incontro.

Due anni fa hai partecipato a Sanremo come ospite degli Afterhours a Sanremo. Ci andreste in gara quest’anno?
Ci sono delle incognite su Sanremo: 1) la diretta 2) il pubblico che sta seduto all’Ariston che è una cosa che non si può capire 3) la reazione dei fan. Però mai dire mai nella vita…

Inoltre una cosa curiosa è quella riportata nello stesso articolo del TgCom:

I Marlene Kuntz non solo hanno lavorato al disco ma hanno creato un progetto visivo che si sviluppa in quattro ‘quadri’, attraverso i suoni e le parole dei brani “Piacere speciale”, “Io e me”, “Paolo anima salva” e “Vivo”, La band ha affidato il progetto a Masbedo, video artisti che hanno fatto dell’arte visiva la loro cifra espressiva, con allestimenti e mostre che hanno spesso varcato i confini italiani. I quattro filmati realizzati per l’album “Ricoveri virtuali e sexy solitudini” verranno presentati fuori programma al Torino Film Festival nella giornata di sabato 27 novembre.

Infine è da segnalare ancora che alcune tracce di “Ricoveri Virtuali e Sexy Solitudini” sono disponibili per l’ascolto in anteprima sul sito di Radio Deejay a questo indirizzo.

(Le varie fonti sono sparse qui e la all’interno del post)

JamesElio | Nè a.k.a. JamesElio

..la vita spesso è una discarica di sogni, che sembra un film dove tutto è deciso, sotto ad un cielo d'un grigio infinito..
Aree Tematiche
Attualità Musica
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd