Zardoz un film di classe #LegaNerd
di
Follia
2

Vi presento il film preferito di Mynameiskile

Si tratta di un film di fantascienza del 1974 in cui in un futuro 2293 il mondo è arrivato all’immortalità.

Gli immortali sono però moralmente afflitti e psicologicamente annoiati, resi quasi paranoici dal loro status tendente al divino.
La loro condizione quasi sovrannaturale viene vissuta in modo diverso da ciascuno; il Vortex di fatto è diviso in tre tendenze:
gli immortali Semplici, che se la godono per quanto possono.
gli Apatici, vinti dalla noia e immersi nell’atarassia.
ed i Rinnegati che non conformandosi al Vortex e contestando il sistema asfissiante, sono stati condannati a vivere sì in eterno, ma come decrepite persone anziane.
.
Si alimentano facendo coltivare il cibo dai “Bruti”, casta inferiore e primordiale di umani che vengono tenuti a bada da una testa volante (vedi foto sopra) rappresentante il dio Zardoz, che arriva con i suoi occhietti luminosi ad accaparrarsi il cibo per gli immortali, e dagli sterminatori: guerrieri a cavallo vestiti di mutandone rosse il cui compito è quello di non far riprodurre i Bruti, poichè il sesso e lo sperma sono IL MALE.

Il protagonista è Zed (Sean Connery) che uccide il pilota del testone volante e entra nel Vortex, il mondo degli immortali. Con il suo… “fascino” mutandato, fa un discreto casino fra quella marea di donne immortali.

Curiosità

Se non avete intuito il tono con cui ho scritto questo articolo, è bene che sappiate che questo film è ALLUCINANTE e piuttosto bruttino.
Nonostante ciò, cito la wikipedia in proposito ad una curiosità in merito:

Zardoz nasce dall’unione di una regia e una sceneggiatura, entrambe di John Boorman. L’idea generale della trama viene da un soggetto di L. Frank Baum, autore del celeberrimo romanzo Il meraviglioso mago di Oz, a cui anche la parola “Zardoz” rende omaggio (“the wizard of Oz”). Si tratta di uno spettacolare film di fantascienza sociologica, ispirato alla letteratura fantastica e a certe letture marxiste, nonché esteticamente condizionato dalle atmosfere lisergiche dell’epoca[senza fonte]. Una lettura d’epoca tuttavia classificava il regista Boorman quale di idee reazionarie così il soggetto del film rappresenterebbe l’utopia marxista con i timori che ne deriverebbero[senza fonte].

Fonte descrittiva: http://it.wikipedia.org/wiki/Zardoz

Bazinga obbligato da parte di Mynameiskile che per la gioia di tutti si presenterà alla cena come cosplayer di Sean conenery a.k.a. Zed

follia

Il Nome dice q.b. come nelle migliori ricette di alta cucina.
Aree Tematiche
Cinema
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd