Testate online e reato di omesso controllo #LegaNerd

I direttori dei giornali online sono equiparabili a dei service provider: come questi ultimi non sono responsabili dei contenuti immessi dai loro utenti, così i primi non devono rispondere di omesso controllo su eventuali contenuti diffamatori inseriti dai collaboratori o dagli utenti del sito.

A stabilirlo è la Corte di Cassazione, chiamata a decidere su un caso che ha visto nella parte dell’accusato il direttore della testata Web Merate Online: era stato condannato in appello, in base all’articolo 57 del codice penale, per non aver applicato il dovuto controllo su una lettera pubblicata in cui si diffamava l’ex ministro Castelli.

[…]

Quando però il caso è arrivato in Cassazione, la Suprema Corte ha rilevato (con la sentenza 35511 depositata oggi) come tale articolo si applichi solo ed esclusivamente alla carta stampata, notando “l’assoluta eterogeneità della telematica rispetto agli altri media”.

[…]

Inoltre, il Web comporta un elevato grado di interattività tra giornale e lettori. La Cassazione spiega in sostanza che non si può pretendere che un direttore controlli ogni contenuto inserito dagli utenti: “la cosiddetta interattività renderebbe probabilmente vano il compito di controllo del direttore di un giornale on-line”.

Secondo la Corte, nemmeno “i coordinatori di blog e forum” possono essere ritenuti colpevoli per i post o i commenti scritti dai visitatori.

Ogni tanto penso che in Italia tutto è fermo al Giurassico, però quando leggo storie come queste mi viene da credere che forse speranza c’è per tutti.

Breve sunto per chi non ha voglia di leggere tutto: il direttore di una testata giornalistica online era stato condannato in primo grado per il mancato controllo del contenuto sulla pubblicazione di una lettera ritenuta diffamatoria (equiparando alle testate cartacee). La cassazione ha però affermato che tale medium è assolutamente eterogeneo e la natura stessa del web rende impossibile un controllo accurato.

Questo vale anche per altri ambiti in cui si fa uso di contenuti user-submitted, come ad esempio i commenti o gli interventi sui blog.

Ciò vuol dire che ogni proprietario di blog/community/forum/siti/… può dormire oggi un po’ più tranquillo, in quanto non è più (finalmente) responsabile di ciò che altri scrivono. Per il momento.

Dormi tranquillo Boss! :-D

Via Zeus News

Alessio Marinelli a.k.a. Defkon1

Software developer, appassionato di tutto ciò che è possibile smontare e rimontare in modo differente, ma anche di cinema, fumetti e cucina.
Aree Tematiche
Attualità Internet
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd