Il salmone geneticamente modificato, bon appetit #LegaNerd

Il salmone geneticamente modificato “AquAdvantage”, prodotto dalla Aqua Bounty, è stato giudicato sicuro e pronto ad essere immesso nel mercato dalla FDA (Food and Drug Administration, l’agenzia che controlla tutti i farmaci e i cibi negli USA), arrivando sulle tavole degli americani entro pochi anni e forse anche in Europa.

Ricercatori del Veterinary Medicines Advisory Committee l’hanno studiato attentamente e hanno appurato che è perfettamente identico ad un salmone tradizionale per quanto riguarda la nostra alimentazione e contiene la giusta quantità di omega-3 e -6 (che tanto fanno bene alla salute).

Due geni sono stati introdotti: uno fa aumentare il livello dell’ormone della crescita, l’altro permette la crescita anche a basse temperature. Questo salmone raggiunge il peso di mercato di 3 kg in soli 16-18 mesi contro i tre anni di un salmone tradizionale, e può crescere fino al doppio dell’altro.
I salmoni GM sono femmine sterili, per evitare che possano scappare dall’allevamento e riprodursi coi salmoni liberi non GM.
C’è un 5% di salmoni che potrebbe essere in grado di riprodursi, ma lo sviluppo accelerato ne riduce la fitness (capacità di vivere e riprodursi in un ambiente in competizione con gli altri pesci) e quindi fuori dall’allevamento sarebbero destinati a soccombere.

L’obiettivo è sempre quello: ottenere più prodotto in meno tempo, con costi inferiori in modo da mettere in commercio un prodotto a prezzo inferiore. Il che non sarebbe una cattiva idea, visto se mangiassimo più pesce e meno carne risolveremmo grossi problemi sanitari (colesterolo, infarti, obesità, ecc).
Si tratta del primo animale GM autorizzato all’uso alimentare per l’uomo. E presto ne seguiranno altri. I controlli sono davvero rigidi sugli OGM, molto di più che sui cibi tradizionali dove ci mettono di tutto. Un es: il kiwi, che nei semi contiene una tossina, se fosse un OGM, a seguito di controlli, non ne sarebbe concessa la coltivazione e la vendita.

Mi aspetto grosse polemiche, già scatenatesi in USA, su presunta cancerogenicità e su catastrofi ecologiche.

Fonte.

Semi ot:
In Giappone, di sottobanco, vendono pesciolini (zebrafish ma credo anche altri) per gli acquari geneticamente modificati, tipo con la GFP o la luciferasi, che figata assurda.

Aree Tematiche
Attualità Cucina
Tag
martedì 7 settembre 2010 - 10:05
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd