Il virus chikungunya e la zanzara Aedes #LegaNerd

Questa storia è un piccolo esempio inquietante di come funzionano le epidemie.

Negli anni ’80 e ’90, dagli USA furono importati in Italia grossi carichi di copertoni usati e con essi numerose uova di zanzara del genere Aedes, conosciuta volgarmente come zanzara tigre. L'Aedes era arrivata in Nord America dall’Asia. In Italia questa zanzara si è rapidamente diffusa colonizzando numerose aree.

Nel 2004 il virus chikungunya parte dalle coste orientali dell’Africa e attraversa l’Oceano Indiano con i flussi commerciali e migratori, fino a scatenare una grossa epidemia in India verso il 2007. Il virus è diffuso dalla zanzara Aedes.

Proprio nel 2007 un immigrato indiano residente a Ravenna va a trovare i parenti in India, contrae la malattia e torna in Italia quando la malattia è ancora nel periodo di incubazione (non ha sintomi). In Italia, veicolata dalla zanzara Aedes il virus si diffonde localmente causando una piccola epidemia di 247 casi e la morte di un anziano.

La malattia chikungunya provoca febbre molto alta, rash nel 50% dei casi e forti artralgie migranti. La malattia è autolimitantesi. La mortalità è bassa (0.4%), ma è maggiore nei bimbi di meno di 1 anno di età (2.8%) e aumenta negli anziani con altre patologie concomitanti.

Possiamo apprezzare in questo esempio 2 fattori di rischio epidemiologico:
1) viaggi in zone tropicali che possono importare agenti patogeni;
2) l’importazione dei vettori del virus (zanzara tigre), senza del quale il virus non si sarebbe mai diffuso ad altre persone.

Fonte: Le Scienze di settembre 2010, che ha un ricco dossier sui virus.

Aree Tematiche
Natura Scienze
Tag
lunedì 6 settembre 2010 - 15:04
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd